Progetto Bosco. Una sintesi.

Il "Progetto Bosco" nasce per volontà del Comune di Piteglio e del Distretto Forestale. A consuntivo di molteplici incontri di approfondimento condotti con vari soggetti, il Progetto compie oggi il suo primo passo reale verso la concretezza.

Ai capifila, Comune di Pitegio e Distretto, si sono aggiunti nel tempo ulteriori soggetti pubblici e privati che hanno arricchito il ventaglio dell'interesse su questa importante iniziativa. Fra di essi la Provincia di Pistoia, le varie associazioni che compongono il mondo produttivo pistoiese (Coldiretti, Confederazione Italiana Agricoltura, Confagricoltura), UNCEM Toscana, l'Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali, l'Istituto Agrario Barone De Franceschi.

L'idea è quella di creare le condizioni affinché sui nostri territori si determinino le condizioni per una gestione razionale ed economicamente vantaggiosa degli innumerevoli appezzamenti di bosco presenti sulla Montagna. Uno degli aspetti che maggiormente ostano al conseguimento di questi obiettivi è l'estrema frammentazione delle proprietà. Ci sono migliaia di piccoli proprietari che spesso, presi singolarmente, non riescono a garantire una gestione sistematica delle loro proprietà. Questo per i motivi più disparati (scarsa infrastrutturazione dei boschi, vincoli di tipo normattivo, bassa capacità operativa) ma, non ultimo, per il fatto che ciò non è finanziariamente sostenibile.

Da questi limiti oggettivi nasce l'idea di una gestione coordinata di ampie porzioni di territorio boschivo. L'obiettivo è quello di garantire al proprietario un reddito proporzionale al valore del bene e alle imprese una massa produttiva in grado di assicurare utili e sostenibilità degli investimenti necessari. Tutto ciò, con un meccanismo semplice e senza spese per i proprietari.

Lo scorso 15 settembre i soggetti che concorrono al Progetto, hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa con cui si impegnano a fornire competenze e supporto operativo per il conseguimento delle finalità sopra esplicitate. Contestualmente si è costituito un Gruppo di Lavoro che sta studiando le modalità con cui tradurre gli obiettivi in proposte e azioni concrete.

La raccolta dati che stiamo conducendo in queste settimane, avvalendoci anche del sito web http://www.progettobosco.net che è stato costruito per lo scopo, è funzionale a capire quale sia il livello di interesse dei proprietari e a comporre una prima area territoriale pilota sulla quale dare avvio alla sperimentazione del progetto.

Il territorio ricompreso nel Comune di Piteglio sarà oggetto della prima fase di sperimentazione, ma è ovvio che il Progetto, per il respiro che esprime, punta in prospettiva al coinvolgimento di tutti i comuni montani dell'area pistoiese.

L'obiettivo dei soggetti promotori è quello di predisporre un modello unitario semplice e funzionale per la gestione delle aree boschive di proprietà privata. Questo darebbe modo di utilizzare i nostri territori non solo per la produzione di biomassa da destinare a fini energetici, ma anche per elaboarare veri e propri piani di riqualificazione delle aree boscate, da convertirsi in colture più redditizie e di maggiore interesse paesaggistico.